sinossi2

📖 Nuovo: L’alchimia dell’inganno di Peppe Cugno

Vi presentiamo (… senza spoilerare, tranquilli 😉 !) la nostra ultima pubblicazione: L’alchimia dell’Inganno, il libro di Peppe Cugno che è molto più di semplice giallo, come ci dice anche Gaetano Cappelli, che ne ha scritto la sinossi:

 

Che succede se in un ospedale, dove la gente dovrebbe guarire si inizia invece a morire? E se a morire, ammazzata poi, è nientemeno che la farmacista del nosocomio, Cristina Demarca, “un metro e settantotto centimetri di femmina allo stato puro, praticamente l’Everest col tacco dodici, camicette scollate e minigonne inguinali sotto un camice perennemente aperto. Il desiderio di ogni essere vivente di genere maschile.”
È quanto appurerà il direttore Angelino De Pierro, scandagliando insieme all’ispettore di polizia Pasquale Ronca, la vita privata di questa femme fatale, attraverso le testimonianza di tutti quelli che l’hanno conosciuta e gli uomini, tanti, che l’hanno avuta. In primis, del vecchio amico, il neurologo Agatino Lentini, che per lei s’è rovinato, rimettendoci moglie e figli e danaro. E tutto per scoprire, infine, quanta fragilità possa nascondersi proprio dietro alla bellezza più desiderata arrivando così alla soluzione a sorpresa del giallo.
Giallo che altro non è se non il pretesto attraverso il quale, Peppe Cugno, ci offre un ritratto assai gustoso della provincia, dove si sa tutto di tutti, perfino la qualità delle valige fatte volare giù dalla moglie del fedifrago Lentini, giudicata, in un’annotazione insuperabile, eccelsa perché integre all’atterraggio. Ed ecco inoltre la descrizione di un fosco ambiente di lavoro, con tutta la gamma di personaggi, dai servili, agli arroganti, ai raccomandati e i livorosi; e, di contro, la rilassatezza delle riunioni con gli amici di una vita, le corse mattutine, la goliardia dello sport dilettantesco. Tutto in un racconto agile, ironico, sornione, da leggersi tutto d’un fiato; spesso trattenendo le risate o, più spesso, non trattenendole proprio.

 

Dal canto nostro, come editori, in collaborazione con Sud’Altro Edizioni, abbiamo da subito amato questo testo perché crediamo che sia “storia della provincia italiana, è una storia potentina fra odi profondi e amori impossibili, falsi poteri, massonerie minori, lobby di periferia […] Abbiamo chiesto a Giuseppe Nicolò Cugno di suggerire al suo io letterario, Peppe Cugno, di trasformare questo breve ed intenso racconto in una vera e propria serie con al centro il suo personaggio. Saremo davvero felici di continuare a pubblicare le avventure di Angelino De Pierro. Lo merita lo spunto letterario del nostro autore, lo merita la provincia potentina che vuole continuare ad essere raccontata.” Ci saranno altri episodi?

Per questa pubblicazione abbiamo deciso insieme all’autore, direttore generale dell’IRCCS, CROB di Rionero in Vulture, di devolvere agli Hospice dell’Ospedale San Carlo di Potenza e del Crob di Rionero un euro per ogni copia del libro venduta.

Acquistalo subito!